Cocoon

Per rendere più piacevole il mio percorso di extreme makeover (leggi: perdere peso come se non ci fosse un domani) mi sono fatta un piccolo piccolo regalo di Natale.
Mi sono presa su Groupon un coupon per dieci trattamenti da 25 minuti snellenti-rimodellanti Cocoon.

Il centro che proponeva questa offerta lo conoscevo già perchè ci ero stata per diversi cicli di trattamenti nel lontano 2002, e a parte la tendenza a spillare quanti più soldi possibile ai clienti mi ero trovata bene, quindi sono tornata con fiducia nella nuova e molto figosa sede in campagna. Non è poi cambiato molto. La dottoressa responsabile di tutta la baracca è sempre la stessa e quando mi ha vista mi ha (ommioddiovelogiuro) riconosciuto. La cosa mi ha inquietato tantissimo.
La cosa che è cambiata di più è lo staff, nel 2002 la ragazza più esotica era Ketty, napoletana con genitori molto molto fan dei Pooh. Oggi di italiane ne vedo veramente poche (tipo nessuna, a parte la dottoressa di cui sopra), sono tutte minute ragazze (alcune anche decisamente signore) dell’est.
Ma a parte queste note di colore, veniamo al mio Cocoon, uno dei trattamenti più inquietanti che mi sia capitato. Parliamone.
Il Cocoon è quella macchina infernale che si vede nella foto qui sopra. In teoria è una sauna. In pratica è come una bara gigante a forma di conchiglia nella quale ti sdrai dentro, e dopo essere stata avvolta nel cellophane come un cotechino (lo so che il cotechino non si avvolge nel cellophane ma nella stagnola, era solo per rendere l’idea, uffa) e ricoperta da quattro strati di asciugamani che impediscono ogni tipo di movimento dal collo in giù, il coperchio viene chiuso lasciandoti fuori solo la testa.
Siccome per far prima ho convertito i miei dieci trattamenti da 25 minuti in cinque da 50, la storia è che io vengo lessata a 80 gradi per cinquanta minuti dentro a questo coso in cui non posso muovermi. Lo scopo di tutto ciò è, ovviamente, sudare. Tantissimo. Inoltre il coso vibra, e secondo qualcuno questa cosa dovrebbe essere rilassante.
Nella foto di cui sopra vediamo la nostra modella estrarre un braccio per poter scegliere le modalità del trattamento. NEIN, io non posso. Le mie braccia sono incluse nell’involtino di cellophane e asciugamani e tutte le opzioni vengono impostate dalle ragazze prima di abbandonarmi ai miei cinquanta minuti di .. relax.
Ora, la mia claustrofobia per fortuna è di una forma abbastanza leggera, e superato il panico iniziale la prima volta dove mi sembrava di essere inghiottita da questo affare a metà tra un forno e un lettino da risonanza magnetica (una delle esperienze più traumatiche della mia vita), poi tutto sommato va abbastanza bene. Però conosco davvero molta gente che non la sosterrebbe una cosa così, al momento dell’acquisto del coupon dovrebbero dirlo “non adatto ai calustrofobici o a chiunque non ami stare un’ora chiuso in un sarcofago a 80 gradi”.
Cosa buona e giusta di questo trattamento è che in 50 minuti consumo (secondo l’infernale aggeggio) 490 calorie e diversi inquantificabili litri di acqua. Un valido aiuto per il mio scopo, che è quello di presentarmi al controllo con la nutrizionista il prossimo venerdì con un totale di 18 chili persi in cinque mesi. Visto che a oggi (che manca una settimana esatta) me ne manca solo uno per arrivare all’obiettivo, direi che la possiamo fare (quasi) in tranquillità.

Un commento su “Cocoon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...