The Running Lumaca keeps pushing

Domenica, ultimo giorno utile per gli allenamenti in vista della Corrida di martedì.
Stamattina quindi ultimo giro su strada per capire un po’ la situazione, e dopo ciò usando tutta l’obiettività che mi è possibile, ho deciso che no, non farò la Corrida martedì.


Un mese di allenamento non è stato sufficiente a farmi arrivare al punto che desideravo, neanche se avessi partecipato a tutte le sessioni del Run With Us (ne ho perse due questa settimana causa malanni vari) ce l’avrei fatta, quindi non cerco scuse, semplicemente tre chilometri non erano un obiettivo raggiungibile in così poco tempo. Sono arrivata a uno, riesco a correre per un chilometro, dopodiché se voglio preservare un minimo di forza vitale devo fermarmi, e proseguire di passo. Certo, poi posso riprendere, ma quando dicevo che faccio schifo come runner dicevo davvero eh. Per fare tre chilometri, di cui (almeno) la metà fatti camminando e non correndo, impiego più di trenta minuti.
Ora, per affrontare la giornata di martedì stavo mettendo in piedi una macchina organizzativa che concerto del primo maggio levati, c’è il problema della fiera in centro, quindi non avevo ancora idea di come arrivarci, in centro, e nemmeno di come tornare, la viabilità a causa della fiera e, appunto, della Corrida è completamente bloccata, la corsa inizia alle 14.30 ma devi essere là tipo dalle 11 del mattino per iscrizione, registrazione e riscaldamento, inoltre alle ore 18 mi inizia la lezione di musica dei bimbi che nonostante sia festa inspiegabilmente la fanno lo stesso e loro adorano andare a musica quindi ok, c’era da infilarci in mezzo una doccia+capelli per rendersi di nuovo presentabili, e insomma, il pensiero che ho fatto è stato: vale la pena di scatenare tutto questo ambaradan solo per andare a fare una passeggiata di mezzora, perché ahimè so benissimo che sarà proprio questo alla fine, una passeggiata, e per di più da sola, che se almeno fossi con qualcuno forse ne approfitterei per due chiacchiere e due risate, ma sola…? Alla fine della storia mi sono risposta che no, non ne vale molto la pena.
Ma sia chiaro, non è mica la fine di niente questo, eh? Anzi, tutt’altro, è uno splendido inizio. Partecipare al Run With Us è stato importantissimo perché mi ha fatto capire a che punto sono e cosa posso e devo ancora fare. In quattro mesi sono passata dal morire dopo due passi di corsa a correre un chilometro, che è una schifezza ma è tanto di più di quello che potevo fare prima. Ho iniziato a correre fuori, stamattina ho trovato un percorso bellissimo di due chilometri e mezzo che ho assolutamente intenzione di percorrere tutto di corsa, e lavorerò per questo già da adesso.
L’appuntamento è solo rimandato. Stay strong, running lumaca!!

Un commento su “The Running Lumaca keeps pushing

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...